Esperti di salute animale dal 1917
Prodotti unici, scientificamente provati
Consulenza qualificata

Quello che ogni allevatore dovrebbe sapere sulla transizione

L'importanza di gestire correttamente le vacche durante il periodo di transizione è ben documentata, così come l'importanza di garantire alle vacche asciutte una razione adeguata nel periodo immediatamente precedente al parto. Ma come gestisci al meglio le bovine durante questa fase critica del loro ciclo riproduttivo e come stabilisci obiettivi realistici di salute e produzione per le vacche fresche? In questo blog forniamo alcuni consigli e approfondimenti per ottimizzare il periodo di transizione per la tua mandria.

19-10-2020, data ultimo aggiornamento 07-01-2021
vacche

Insidie da evitare nel periodo di transizione

Una delle maggiori insidie è proprio che il periodo di transizione viene spesso sottovalutato da molti allevatori. Sebbene la maggior parte delle tue vacche si alzi normalmente dopo il parto, ciò non significa che l’ipocalcemia subclinica non sia un problema nella tua azienda. Numerosi studi dimostrano che circa il 50-70% delle vacche da latte possono essere affette da ipocalcemia subclinica. Normalmente si alzano dopo il parto, ma non saranno in grado di performare in maniera ottimale e avranno un rischio maggiore di sviluppare problematiche come mastiti e infezioni uterine. Va da sé che la possibilità che queste vacche raggiungano la lattazione successiva è chiaramente ridotta, quindi è importante assicurarsi che ogni vacca venga gestita in modo appropriato per iniziare il successivo ciclo riproduttivo nelle migliori condizioni possibili.

Cos’è l’ipocalcemia subclinica?

L’ipocalcemia subclinica si verifica in genere al parto ed è causata da una carenza di calcio che riduce l’efficienza produttiva della bovina. Il calcio è fondamentale per una corretta contrazione muscolare: senza calcio sufficiente i muscoli, ad esempio nell'utero e nelle estremità dei capezzoli, non funzioneranno correttamente, rendendo l'animale maggiormente suscettibile a maggior rischio di infezione. Anche il tratto gastrointestinale può essere influenzato dall’ipocalcemia, una ridotta assunzione può contribuire a uno squilibrio dei livelli di energia.

 

Opportunità nel periodo di transizione

Nonostante il rischio per le cose andare storte durante il periodo di transizione, questo offre anche molte opportunità per migliorare le prestazioni delle singole bovine e della mandria nel suo insieme. Alcune di queste opportunità per migliorare le prestazioni delle vacche in transizione saranno facili e relativamente convenienti da implementare, mentre altre saranno più dispendiose in termini di tempo e costose da realizzare. Per avere l'opportunità di migliorare la salute della bovina è necessario concentrarsi sulla causa della frequenza e della gravità dei casi di ipocalcemia, infezioni uterine e mastiti. Dopo aver eseguito una buona analisi, molto probabilmente troverai anche margini di miglioramento nella tua fattoria!

 

Hai bisogno di maggiori informazioni su come migliorare questo aspetto nella gestione della mandria?

suggerimenti per una corretta

Clicca sull’immagine per scaricare i nostri suggerimenti e consigli

 

L’assunzione di alimento è un fattore chiave

La salute, il benessere, la produttività e la fertilità di tutti gli animali da latte dipendono dalla loro capacità utilizzare una razione efficace. Senza un adeguato livello di assunzione di alimento, nessuna vacca potrà mai raggiungere il suo potenziale ottimale, specialmente durante il periodo di transizione. È quindi essenziale garantire che ogni animale della mandria abbia libero accesso a una razione equilibrata, fresca e appetibile.

 

Una partenza al volo

Ci piacerebbe vedere ogni lattazione partire in volo. Ma le cose non sono sempre così semplici e richiedono molto tempo e sforzi per garantire che ogni vacca sia in grado di esprimersi al meglio e per eliminare le numerose problematiche che possono impedire alle vacche di raggiungere il loro pieno potenziale. La cosa più importante, ovviamente, è che le tue bovine continuino a ricevere abbastanza alimento e acqua di buona qualità, anche in fase di asciutta. A livello globale, le razioni di DCAD basse, note anche come razioni anioniche, vengono sempre più utilizzate per fornire alle vacche un supporto aggiuntivo in termini di metabolismo del calcio in modo che possano iniziare bene la lattazione successiva e con meno problemi di salute.

 

Come mantenere un’assunzione alimentare corretta nel periodo di transizione

Una preoccupazione comune per quanto riguarda le razioni a DCAD negativo con sali anionici è che può essere difficile mantenere un'adeguata assunzione di alimento. Per risolvere questo problema, Phibro ha sviluppato Animate: un prodotto concentrato, completo e altamente appetibile che può essere somministrato in razione alle vacche in asciutta senza effetti sull'assunzione di mangime. Includendo Animate nella razione della tua mandria, le bovine continueranno ad alimentarsi a sufficienza. Animate aiuta a ottimizzare il metabolismo del calcio al parto, questo può contribuire ad avere bovine più sane e più produttive. Somministrare Animate contribuisce a prevenire molti dei problemi associati al parto e al periodo di transizione, aiutando così le tue bovine a spiccare il volo!

Vuoi saperne di più su Animate e sui suoi effetti sulle tue bovine al parto? Contattaci per richiedere una valutazione della transizione con un esperto di Phibro.

Nota: consultare sempre il proprio veterinario per diagnosi e consigli in caso di gravi problemi dovuti a ipocalcemia (sub)clinica.

Henco Splinter
Henco Splinter
Henco è dairy technical specialist per l’Olanda. Con una vasta esperienza nel campo della salute e della nutrizione animale ama lavorare con gli allevatori per ottenere performance produttive e sanitarie ottimali dai loro animali.

Potrebbe interessarti anche