Esperti di salute animale dal 1917
Prodotti unici, scientificamente provati
Consulenza qualificata
3 min tempo di lettura

Quali sono i costi della febbre da latte clinica e subclinica nella mia azienda?

I costi associati alla perdita di produttività e alla compromissione della salute degli animali a seguito di casi clinici e subclinici di febbre da latte (bassi livelli di calcio nel sangue) sono spesso molto più alti del previsto - in questo blog spiegheremo perché queste perdite possono essere così elevate e come se ne possono mitigare gli effetti.

11-02-2021, data ultimo aggiornamento 11-02-2021
febbre da latte clinica e subclinica


Durante il periodo di transizione dalla fine della gravidanza alla lattazione le vacche da latte subiscono enormi cambiamenti fisiologici: uno dei cambiamenti più importanti riguarda l'equilibrio del calcio, con vacche che non sono in grado di mantenere adeguate concentrazioni di calcio nel sangue diventando soggette a tassi più elevati di disordini metabolici postpartum precoci e ridotta produzione di latte.

Le vacche che sono affette da febbre da latte clinica (ipocalcemia clinica) sono immediatamente identificabili: mostreranno chiari segni di grave carenza di calcio tra cui l'incapacità di stare in piedi ed una sensazione di freddo al tatto.

Nonostante un'incidenza molto più alta rispetto all'ipocalcemia clinica, gli effetti della febbre da latte subclinica (ipocalcemia subclinica) sono spesso gravemente sottostimati: mentre una vacca colpita sarà in grado di stare in piedi con funzionalitá in gran parte normali, risulterà molto meno efficiente a causa della carenza di calcio fondamentale e sarà molto più suscettibile alle malattie (vedi sotto per maggiori informazioni).


Incidenza della febbre da latte clinica e subclinical

La ricerca condotta in Germania (Venjakob et al.2017) ha campionato il sangue di 1380 vacche fresche di parto in 115 allevamenti. L'incidenza di ipocalcemia clinica riportata è risultata relativamente bassa, allo 0% nelle giovenche fino al 16,1% per le vacche con 4 o più cicli di lattazione. Allo stesso tempo, l'incidenza di ipocalcemia subclinica (concentrazioni di calcio nel sangue inferiori a 2,1 mmol/L) nella stessa popolazione di vacche era molto più alta, variando dal 14% nelle giovenche al 71% per le vacche con 4 o più cicli di lattazioni (Tabella 1).

Ipocalcemia

Lattazione 1

Lattazione 2

Lattazione 3

Lattazione ≥ 4

Threshold 2.1 mmol/L 32/228a
(14.0)
158/355b
(44.5)
211/332c
(63.6)
331/456d
(71.2)

Tabella 1. Prevalenza (numero/totale; % tra parentesi) dell'ipocalcemia subclinica da 0 a 48 h dopo il parto nelle vacche da latte stratificate per parità. Fonte: Venjakob et al. 2017

a-d Diversi apici all’interno delle righe differiscono, P < 0.05

 

La via di accesso ai disturbi di salute

L'ipocalcemia non è solo associata a prestazioni ridotte in termini di produzione di latte post-parto, ma é anche vista come via d'accesso a numerose successive malattie delle vacche da latte e disturbi di salute tra cui mastite, chetosi, distocia, ritenzione di placenta, prolasso uterino, metrite, edema mammario , dislocazione abomasale e fegato grasso (Horst et al., 1997. e Curtis et. al., 1985.) *.


Tabelle 2: Costo stimato dei principali disturbi di salute nelle vacche da latte:

Eventi Metabolici

Costo stimato/incidenza

Febbre da Latte¹ €312
Ipocalcemia Subclinica² €113
Dislocazione Abomasale³ €362-496
Chetosi³ €71-82
Ritenzione di Placenta3³ €130-190
Metriti³ €157-166

 

Il ladro nascosto

Il mancato guadagno associato all'ipocalcemia subclinica supera di gran lunga quello dell'ipocalcemia clinica. In una pubblicazione di Oetzel (2012), utilizzando i dati di uno studio precedente (Oetzel, 2011) ed i costi economici associati alla febbre da latte clinica suggerita da Guard (1996), é stato stimato che le perdite economiche causate dall'ipocalcemia subclinica in un’azienda agricole tipica possono essere quasi quattro volte maggiori delle perdite associate alla febbre da latte clinica.

Ciò è principalmente dovuto al fatto che il tasso di incidenza dell'ipocalcemia subclinica è 10 volte superiore al tasso di incidenza dell'ipocalcemia clinica.

Tabelle 3: L'impatto economico stimato della febbre da latte clinica e subclinica in una fattoria con 250 vacche:

 

Costo stimato/ incidenza

Incidenza media

Vacche affette per anno

Perdita totale annua

Febbre da latte clinica

€312 6% 15 €4.680

Febbre da latte subclinica

€113 60% 150 €16.950

 

Prevenire è meglio che curare

Il modo più efficace per mitigare le perdite associate alla febbre da latte è in primo luogo prevenire l'insorgenza della condizione: l'aggiunta di Animate (un prodotto minerale anionico concentrato ed altamente appetibile che aiuta ad ottimizzare il metabolismo del calcio) alla razione della vacca in asciutta può aiutare a ridurre l'incidenza di ipocalcemia clinica (febbre da latte) e ipocalcemia subclinica (bassi livelli di calcio nel sangue). La sua inclusione nella dieta può anche aiutare a ridurre l'incidenza di disturbi metabolici e non metabolici associati all'ipocalcemia, con conseguente miglioramento delle prestazioni della vacca durante la fase critica di transizione ed una conseguente maggiore produzione di latte.

 

Scopri di più

Se desiderate saperne di più su Animate e su come può migliorare la salute e le prestazioni delle tue vacche fresche di parto, contattateci per richiedere una valutazione gratuita con un esperto Phibro che lavorerà con voi per discutere quanto segue:

  1. Analisi della situazione attuale: valuteremo lo stato attuale della mandria e identificheremo le aree di miglioramento.
  2. Progettare un protocollo di prevenzione della febbre da latte: consiglieremo dove è possibile apportare miglioramenti e come Animate può sbloccare il pieno potenziale della tua mandria.
  3. Valutazione: eseguiremo una revisione dettagliata per assicurarci che i cambiamenti che abbiamo messo in atto funzionino in modo efficace e, se necessario, forniremo ulteriore supporto e consigli per consentire alla vostra mandria di continuare a migliorare.

Sources

* Horst et al., 1997. JDS.80:1269-1280
* Curtis et. al., 1985. JDS.68:2347-360
¹Cost per case from veterinary fees, drugs, labor, lost or discarded milk and culling (C. Guard, et al., 1996)
²Non-infectious diseases: Milk fever in Encyclopedia of Dairy Sciences. Vol. 2. F.J. W. Fuquay, P.F., McSweeney, P.L.H., ed. Academic Press, San Diego Oetzel 2011. Lost milk yield and direct costs associated with ketosis and displaced abomasum’s
³Liang, Di, “Estimating the Economic Losses from Diseases and Extended Days Open with a Farm-Level Stochastic Model” (2013). Theses and
Dissertations--Animal and Food Sciences. Paper 22. http://uknowledge.uky. edu/animalsci_etds/22. First value is for first parity animals and second value is for mature cows.

 

Arnout Dekker
Arnout Dekker
Arnout Dekker è Marketing Manager per l’Europa in Phibro e possiede 7 anni di esperienza come veterinario. Appassionato di bovine da latte, aziende zootecniche e farm management. La sua maggiore motivazione risiede nell’aiutare gli allevatori, con i migliori consigli e i prodotti più efficaci, a mantenere le loro bovine sane, più produttive e redditizie in maniera sostenibile.

Potrebbe interessarti anche