Esperti di salute animale dal 1917
Prodotti unici, scientificamente provati
Consulenza qualificata
4 min tempo di lettura

KETOSIS: la prevenzione é meglio della cura

La produzione di latte pone un onere significativo sulle risorse di una vacca da latte, con la maggior parte dell'energia necessaria per produrre grandi volumi di latte solitamente ottenuti da mangimi ingeriti e riserve corporee. Tuttavia, quando la produzione di latte aumenta rapidamente durante le prime fasi di una nuova lattazione, l'energia assorbita è spesso insufficiente per soddisfare la produzione di energia richiesta per raggiungere il picco di produzione di latte. Pertanto la vacca entra in un bilancio energetico negativo e può diventare più vulnerabile a problemi di salute, con eventuali stress che causano potenzialmente un'ulteriore riduzione dell'assunzione di mangime portando a ulteriori problemi di salute.

13-04-2021, data ultimo aggiornamento 13-04-2021

 

Cos'é la chetosi

Un bilancio energetico negativo porta alla mobilitazione degli acidi grassi liberi e del glicerolo dai depositi di grasso che vengono ossidati in sostanze come l'acetil-CoA. Tuttavia, il fegato non è in grado di elaborare completamente tutto quell'acetil-CoA e l'eccesso viene quindi convertito, tra le altre cose, in chetoni, un processo noto come acetonemia o chetosi.

 

Fattori di rischio

Una produzione ruminale insufficiente di acido propionico (il principale precursore del glucosio nei ruminanti) provocherà ipoglicemia e peggiorerà la situazione. Ciò può essere causato da una sottoalimentazione o da una ridotta assunzione di cibo a causa di mancanza di appetito o di mancanza di mangime (qualità, quantità e accesso). La mancanza di appetito è normale nel periodo del parto, ma può peggiorare nelle prime fasi di una nuova lattazione a causa di una scarsa qualità del foraggio, improvvisi cambiamenti nella dieta o eccessivo peso al parto.

Altri fattori di rischio comuni per l'insorgenza della chetosi sono:

  • climi invernali (quando la mucca deve spendere più energia per riscaldarsi)
  • vacche pluripare
  • febbre da latte (che riduce l'assunzione di mangime dopo il parto)
  • vacche che hanno sofferto di chetosi nella precedente lattazione
  • vacche che hanno avuto una maggiore produzione di latte fino a 305 giorni nella precedente lattazione.

Anche l'insilato con un alto carico di acido butirrico può favorire l'insorgenza della chetosi. L'insilato contenente alti livelli di acido butirrico è anche meno appetibile e verrà quindi consumato in quantità inferiori, aggravando ulteriormente lo squilibrio energetico.

La chetosi secondaria è comune ed è il risultato di condizioni come dislocazione dell’abomaso spostato, mastite e metrite che causano una riduzione dell'appetito durante la prima lattazione.

Nelle aree di carenza di cobalto, la chetosi può essere diagnosticata anche nelle bovine al pascolo: i microbi del rumine hanno bisogno di cobalto sufficiente per consentire la sintesi della vitamina B12, ed è anche essenziale per un adeguato utilizzo dell'acido propionico.

La chetosi è comune anche nelle mandrie da latte affette da trematode epatico o fascioliasi.

Phibro-Marie-Laure-with-cow-2-hero-desktop

Sintomi della chetosi

La chetosi si manifesta in diversi modi, tra cui ridotta produzione di latte, perdita di peso, riduzione dell'appetito, pelo opaco, alito / odore di acetone nel latte (gocce a pera) e febbre. Alcune mucche sviluppano anche segni nervosi tra cui salivazione eccessiva, leccate e aggressività.

Le vacche affette da chetosi subclinica (elevate concentrazioni sieriche di corpi chetonici nel sangue senza nessuno dei sintomi clinici osservati sopra menzionati) saranno maggiormente a rischio di sviluppare chetosi clinica e saranno anche più suscettibili alla dislocazione dell'abomaso e alla ridotta fertilità. Possono anche soffrire di una ridotta produzione di latte. Le vacche con livelli elevati di chetoni nel sangue possono espellere i chetoni nelle urine e nel latte.

 

Trattamento

L'obiettivo iniziale del trattamento è ripristinare la mancanza di glucosio nel corpo. È necessario immediatamente un integratore di glucosio ad azione rapida, con un trattamento di follow-up volto a fornire un apporto di glucosio a lungo termine. Molti dei corticosteroidi a lunga durata d'azione hanno effetti benefici sulla chetosi poiché aiutano ad abbattere le proteine muscolari per produrre glucosio che reintegrerà immediatamente i livelli di glucosio nel sangue depressi.

 

Prevenzione e monitoraggio

La questione chiave per prevenire l'insorgenza della chetosi è mantenere un buon protocollo di gestione della vacca in transizione dove la condizione corporea ne determina il fattore chiave: le vacche non dovrebbero essere eccessivamente grasse al parto poiché questo deprime l'assunzione di mangime. Su una scala da 1 a 5, un BCS di 2,5-3,0 è ottimale, oltre 3,0 éconsiderata troppo grassa ed a maggior rischio di chetosi. Il monitoraggio delle condizioni corporee delle vacche da latte è quindi essenziale durante il periodo di asciutta.

Il protocollo di gestione della vacca in transizione dovrebbe anche mirare a ridurre al minimo la naturale tendenza delle vacche a consumare meno durante le ultime tre settimane di gestazione. Una razione ad alto contenuto di fibre durante il periodo in asciutta può anche aiutare a risolvere il problema della ridotta assunzione di mangime volontaria al parto, con l'apporto di alti livelli di foraggio grezzo che aiuta anche a promuovere una buona digestione del rumine. Il punto chiave è controllare la qualità del foraggio utilizzato più volte all'anno per sapere esattamente cosa mangiano le tue mucche.

L'obiettivo generale durante il periodo di transizione è quello di facilitare l'animale dalla gestazione all'allattamento, offrendo una razione altamente appetibile al parto e fornendo una sistemazione adeguata. Qualsiasi cambiamento importante nella dieta dovrebbe certamente essere evitato durante la prima lattazione. Il foraggio grezzo con un alto contenuto di acido butirrico dovrebbe essere evitato all'inizio dell'allattamento.

I profili metabolici che utilizzano campioni di sangue o campioni di latte prelevati da gruppi di vacche in asciutta e vacche all'inizio della lattazione possono aiutare a monitorare la salute della mandria e rilevare la malattia subclinica in una fase precoce in modo che eventuali cambiamenti dietetici necessari possano essere implementati come e quando richiesto.

I concentrati somministrati durante l'allattamento dovrebbero essere introdotti in piccole quantità, circa due settimane prima del parto, per consentire l'adeguamento della microflora ruminale. Alcuni prodotti nutrizionali, tra cui niacina, propionato di calcio, propionato di sodio, glicole propilenico e colina protetta dal rumine, possono aiutare a prevenire e gestire la chetosi se introdotti nelle ultime 2-3 settimane di gestazione, nonché durante le prime fasi della lattazione successiva.

Occasionalmente, le vacche ad alto rendimento saranno suscettibili alla chetosi ogni anno: un programma preventivo di apporto di glicole propilenico subito dopo il parto può aiutare a prevenire la chetosi in queste vacche problematiche.

C'è anche un elemento genetico nella chetosi: l'ereditarietà della chetosi è relativamente alta e vi sono alcune variazioni nella predisposizione della razza alla chetosi. Tuttavia, i protocolli di gestione hanno un'influenza molto maggiore della genetica sull'incidenza della chetosi.

 

Per saperne di piú

Per saperne di più su come superare la sfida della chetosi nella tua mandria, vai su https://europe.pahc.com/challenges/ketosis

In alternativa, se desideri saperne di più su come Animate  e OmniGen possono migliorare la salute e le prestazioni delle tue vacche port partum,  contattaci per richiedere una 'valutazione della transizione' gratuita con un esperto Phibro in vacche da latte che lavorerà con te per discutere quanto segue:

  • Analisi della situazione attuale: valuteremo lo stato attuale della mandria e identificheremo le aree di miglioramento.
  • Progetta un protocollo di prevenzione della febbre da latte: ti consiglieremo dove è possibile apportare miglioramenti e come Animate può sbloccare il pieno potenziale della tua mandria.
  • Valutazione: effettueremo una revisione dettagliata per assicurarci che i cambiamenti che abbiamo messo in atto funzionino in modo efficace e, se necessario, forniremo ulteriore supporto e consulenza per consentire alla tua mandria di continuare a migliorare.

 

Riferimenti

Farm Health Online. 2004. Ketosis. [ONLINE] Available at: https://www.farmhealthonline.com/disease-management/cattle-diseases/ketosis/. [Accessed 1 June 2020].

MSD Manual Veterinary Manual. 2014. Overview of Ketosis in Cattle. [ONLINE] Available at: https://www.msdvetmanual.com/metabolic-disorders/ketosis-in-cattle/overview-of-ketosis-in-cattle. [Accessed 1 June 2020].

NADIS. 2002. Acetonemia. [ONLINE] Available at: https://www.nadis.org.uk/disease-a-z/cattle/acetonaemia/. [Accessed 1 June 2020].

Navaratnam Partheeban
Navaratnam Partheeban
In qualità di veterinario del settore lattiero-caseario, Theeb è molto appassionato della salute e del benessere delle vacche da latte e dei modi per migliorare la produttività dell'allevamento. Trova importante trascorrere del tempo con gli agricoltori e le industrie alleate per trovare soluzioni ai problemi di settore.

Potrebbe interessarti anche