Esperti di salute animale dal 1917
Prodotti unici, scientificamente provati
Consulenza qualificata
3 min tempo di lettura

Come può lo stress da caldo avere un impatto negativo sulla fertilità delle vacche da latte

Il clima caldo può rappresentare una sfida significativa per la fisiologia delle vacche da latte; lo stress da caldo può potenzialmente causare una diminuzione dell'assunzione di mangime e della produzione di latte. Ma non finisce qui: lo stress da caldo può anche avere un effetto dannoso sulla fertilità, sia durante che immediatamente dopo il periodo di clima caldo.

06-05-2021, data ultimo aggiornamento 06-05-2021
Lo stress da caldo


In questo blog metteremo in evidenza gli impatti dello stress da caldo sull'efficienza riproduttiva, iniziando con un breve aggiornamento fisiologico:

 

Il ciclo estrale

Il ciclo estrale consiste in una serie di eventi orchestrati da diversi ormoni prodotti nel cervello e nel sistema riproduttivo della durata di 21 giorni: l' "asse ipotalamo-ipofisi-gonade". Nel cervello, l'ipotalamo secerne un ormone chiamato GnRH. Questo ormone induce un'altra parte del cervello (la ghiandola pituitaria) a produrre l'ormone follicolo stimolante (FSH) e l'ormone luteinizzante (LH). L'FSH stimola la crescita dei follicoli nell'ovaio, che alla fine si traduce nella maturazione di un follicolo e nel rilascio di quantità crescenti di estrogeni. Successivamente il cervello risponde producendo un'ondata di LH che induce l'ovulazione: il follicolo maturo esplode rilasciando l'uovo.

Inoltre, l'LH induce i resti del follicolo ovulato a diventare un corpo luteo, dove inizia la produzione del progesterone. Infine, dopo alcuni giorni sotto l'influenza del progesterone, l'utero, se non c'è un embrione attaccato, viene indotto a produrre ancora un altro ormone chiamato PGF2a (prostaglandina), che spazza via il corpo luteo causando una diminuzione della produzione di progesterone. Successivamente il cervello risponde producendo più GnRH per riavviare il ciclo.

 

Come lo stress da calore influisce sulla riproduzione

Oltre al processo sopra descritto, durante i periodi di stress da caldo si attiva un altro importante asse ormonale: l' "asse ipotalamo-ipofisi-surrene". Questo asse controlla la produzione di cortisolo, un ormone che consente l'adattamento allo stress, ma che influenza e disturba anche molti altri processi ormonali e metabolici.

Durante i periodi di stress da caldo, l'asse ipotalamo-ipofisi-surrene antagonizza l'asse ipotalamo-ipofisi-gonadi sopra descritto; ricerche e studi confrontano le prestazioni riproduttive in ambienti caldi e freddi e mostrano che le vacche esposte al calore possono incorrere in diversi effetti negativi della fertilità. In sintesi, la ricerca ha dimostrato che lo stress da caldo1,2:

  • Disturba la dimensione, il numero e le dinamiche di maturazione dei follicoli, con effetti non solo su un ciclo ma anche sui cicli successivi
  • Abbassa la produzione di estrogeni, necessari all'inizio dell'ovulazione, e per una buona durata ed intensità dell’estro
  • Abbassa la produzione di LH, necessario per indurre l'ovulazione e la formazione del corpo luteo
  • Abbassa la concentrazione di progesterone, che altera la vitalità embrionale. Questo è stato riscontrato dopo l'esposizione cronica allo stress da caldo
  • Diminuisce la produzione di PGF2a nell'utero, che è fondamentale per espellere il corpo luteo consentendo il riavvio del ciclo quando non è iniziata una gravidanza

Al di là di questi impatti, anche se è avvenuta la fecondazione, la vitalità dell'embrione non è garantita, ulteriori prove dimostrano che la gravidanza in corso può essere compromessa in condizioni di stress da caldo a causa della diminuzione del progesterone, questo si aggiunge all’effetto diretto della temperatura corporea eccessiva sull'ambiente di impianto dell'embrione.

È importante notare che lo stress da caldo influisce sulla riproduzione non solo durante, ma prima e dopo l'ovulazione, con effetti negativi spesso osservati verso la fine dei mesi estivi e all'inizio dell'autunno.

 

Come combattere gli effetti dello stress da caldo

Considerando la gravità e l'ampio raggio d’azione dello stress da caldo sul sistema riproduttivo, non sorprende che i tassi di concepimento delle vacche da latte siano spesso ridotti durante e dopo i periodi di clima caldo. Per mitigare questi effetti è essenziale che le vacche siano gestite in modo efficace limitando la loro esposizione al calore eccessivo (clicca qui per maggiori informazioni)

Anche gli aggiustamenti della dieta dovrebbero essere considerati un mezzo per aiutare le vacche ad affrontare i periodi di clima caldo. Diversi studi dimostrano che l'aggiunta di OmniGen AF può aiutare a ridurre gli effetti dello stress da caldo: le vacche alimentate con OmniGen AF3 hanno dimostrato di avere una temperatura corporea più bassa e una frequenza respiratoria ridotta, oltre a mantenere un livello maggiore di assunzione di mangime3 e resa di latte4. Inoltre, uno studio pubblicato di recente, condotto in una grande azienda agricola in Florida, USA, ha riscontrato benefici in termini di prestazioni riproduttive: questo studio, condotto in un clima subtropicale, ha dimostrato che le mucche alimentate con OmniGen AF rimangono gravide prima di quelle del gruppo di controllo, raggiungendo una media di giorni aperti inferiore (P ​​<0,05).

New call-to-action

Per saperne di più su come OmniGen AF può aiutare la mandria a far fronte agli effetti del caldo e agli altri fattori di stress, clicca qui.

 

Riferimenti

1Roth, Z., e Wolfenson, D. 2016. Domest. Anim. Endocrinol. 56: S218-27

2Velez Marín, M. e Uribe Velásquez, L.F. 2010. Biosalud 9: 83-95

3Hall, L.W., et al. 2018. J. Dairy Sci. 101: 7095-105

4Fabris, T.F., et al. 2017. J. Dairy Sci. 100: 6733-42

5Casarotto, L., et al. 2020. Anim. Feed Sci. Technol. 267: 114527

Ruben Garcia
Ruben Garcia
Ruben è Dairy Technology Manager. Di base in Spagna, il suo ruolo è quello di supportare il business delle specialità nutrizionali di Phibro in Europa e Medio Oriente. Veterinario e con un dottorato in nutrizione animale, ha avuto esperienze di ricerca e sviluppo prodotto in differenti paesi.

Potrebbe interessarti anche