Esperti in salute animale da oltre 45 anni
Prodotti unici, scientificamente provati
Consulenza qualificata
3 min tempo di lettura

Una causa inaspettata del cao di assunzione di sostanza secca in Scozia | Dott. Dekker

Stavo viaggiando con il rappresentante di un distributore nel sud della Scozia per visitare alcuni allevamenti. Abbiamo ricevuto una chiamata da un allevatore locale preoccupato per l'assunzione di sostanza secca (DMI) delle sue vacche. Era una bella mattinata di fine primavera ed eravamo in anticipo sul programma per la nostra prossima visita, quindi abbiamo deciso di fare una deviazione verso l’allevamento in questione.

15-04-2022, data ultimo aggiornamento 15-04-2022

Stavo viaggiando con il rappresentante di un distributore nel sud della Scozia per visitare alcuni allevamenti. Abbiamo ricevuto una chiamata da un allevatore locale preoccupato per l'assunzione di sostanza secca (DMI) delle sue vacche. Era una bella mattinata di fine primavera ed eravamo in anticipo sul programma per la nostra prossima visita, quindi abbiamo deciso di fare una deviazione verso l’allevamento in questione.

Salve, sono il veterinario Dekker, nutrizionista per vacche da latte. Incontro e visito svariati allevatori in diversi paesi. Ognuno con la propria storia, il proprio modo di lavorare, ma sempre con l'obiettivo di prendersi cura delle proprie vacche, in modo sostenibile e redditizio. Alcune storie sono stimolanti e meritano di essere condivise! È sempre bello leggere come altri colleghi in Europa sviluppano e migliorano la loro azienda. In questo articolo, desidero condividere la storia di un allevatore nel sud della Scozia preoccupato per l'assunzione di sostanza secca (DMI) delle sue vacche.

Cause comuni per il calo di DMI (Assunzione di sostanza secca):

Lungo la strada, abbiamo discusso delle cause comuni che deprimono l’assunzione di sostanza secca e di ciò che ci aspettavamo di trovare:


• Mancanza di spazio per l'alimentazione
• Barriere che non consentono un facile accesso al mangime
• Mangiatoie non pulite
• Tempi variabili per l’alimentazione
• Smistamento
• Mancanza d'acqua
• Foraggio di scarsa qualità
• Formulazione scadente
• Mangime non rimontato regolarmente per facilitarne l’accesso
• Mangimi rovinati dal calore


Quando siamo arrivati all'allevamento le prime impressioni sono state buone. Cortile pulito, molto cemento ben drenato e asciutto, ecc. La stalla stessa era di un moderno design aperto con un passaggio centrale per l’alimentazione completamente aperto. Ogni lato della stalla aveva una doppia fila di box ben progettati con molto spazio per tutte le vacche per alimentarle contemporaneamente, un ampio passaggio ad un'estremità (chiuso) e molti abbeveratoi per l'acqua pulita di facile accesso.

Heatstress barnAbkalbestall_Brokering_1 (1)-1

Cosa abbiamo scoperto?

La prima cosa da notare era che la somministrazione del mangime non era stata spostata nelle ultime ore, ma di maggiore preoccupazione era l'accumulo di calore che si era formato nella stalla. Fuori nell’aia era al di sotto dei 20°, ma nel vialetto di alimentazione abbiamo notato noi stessi la differenza di calore. Mentre attraversavamo la stalla, era chiaro che alcune vacche stavano lottando con le altre sdraiate nei box. Un paio di vacche ansimavano visibilmente e chiaramente riluttanti o incapaci di muoversi. La differenza tra l'esterno e l'interno era così netta che abbiamo preso il rilevatore di temperatura dall'auto e una volta stabilizzato, abbiamo registrato temperature comprese tra 28 e 30° C all'interno della stalla. Considerando l'umidità relativamente alta in Scozia, era chiaro che queste vacche soffrivano di un forte stress da caldo.

Di male in peggio …

Un paio di fattori hanno aggravato la situazione. Il corridoio di rifornimento era orientato da nord a sud. Il lato ovest della stalla, dove la maggior parte delle vacche soffriva, riceveva il sole mattutino da est e ad un esame più attento sembrava che lo spazio di raccordo fosse in realtà tutto sbarrato. C'era pochissima circolazione d’aria quel giorno, ma la mancanza di ventilazione significava che il calore si stava accumulando senza via di fuga. Il disagio di queste vacche era evidente, quindi abbiamo telefonato all'allevatore per discutere delle nostre scoperte.


Abbiamo sottolineato che le letture della temperatura mostravano che le vacche soffrivano di forte stress da caldo e che due di loro avevano bisogno di un'attenzione immediata. Abbiamo anche discusso della chiusura dell’intera sezione di carico ed abbiamo scoperto che in seguito alle lamentele dei vicini per il rumore e l’odore avevao preso la decisione di chiudere quegli accessi.

Phibro-THI-grafiek-IT

Tavola 1: Indice di Temperatura-Umidità per il Controllo delle Probabilità di Stress da Caldo. Fonte: Servizi Nazionali d’Informazione sulle Malattie degli Animali

Il consiglio dato all'allevatore è stato quello di riaprire immediatamente lo spazio del raccordo per permettere alle mucche di sfuggire al sole diretto. È stato un vero stupore scoprire un tale livello di stress da caldo nel sud della Scozia, un'area dove non ti aspetteresti questo tipo di problemi.

Era chiaro che in questo caso l'osservazione da parte dell’allevatore di una diminuzione del DMI era una diretta conseguenza degli effetti dello stress da caldo e dopo ulteriori conversazioni è emerso che aveva anche notato recentemente un picco delle cellule somatiche ed un calo della produttività. Parlando di altri effetti notati dall'allevatore, aveva evidenziato un netto calo nelle mucche in attesa di inseminazione nella tarda primavera da quando aveva chiuso lo spazio di raccordo. Quando si è reso conto che i problemi che stava riscontrando erano il risultato diretto di alcuni cambiamenti che aveva apportato e che piccoli cambiamenti avevano un impatto importante sulla salute e sulla produttività delle vacche, era sconvolgo ma anche sollevato dal fatto che la situazione potesse essere reversibile.

Lezione imparata

  • Lo stress da caldo può verificarsi ovunque, anche in Scozia,
  • Controllare sempre cosa sta succedendo nell'alloggio delle vacche e non fare affidamento solo sui bollettini meteorologici
  • Investi qualche Euro in un termometro per monitorare temperatura e umidità per tenere d'occhio le cose anche quando non ci sei
  • Consentire sempre una ventilazione adeguata e tenere conto delle condizioni climatiche locali, ad esempio sole basso a est, apertura, raccordo/lucernaio, ecc.
  • Consentire alle vacche di muoversi liberamente nelle aree della stalla meno colpite dal calore/luce solare diretta
  • Accesso costante ad acqua pulita/fresca

Cosa potresti fare oggi?

Lo stress da caldo è un problema anche nel Regno Unito e i segnali possono essere impercettibili nella vacca, ma possono avere conseguenze importanti per la produzione e l'efficienza. Questo è un importante fattore da considerare per migliorare la produzione e la salute. Dai un'occhiata alla nostra lista di controllo per scoprire quanto sei preparato per lo stress da caldo. Possiamo supportarti e consigliarti, prenota una valutazione dello stress da caldo gratuita per vedere come possiamo aiutarti.

 

Arnout Dekker
Arnout Dekker
Arnout Dekker è Marketing Manager per l’Europa in Phibro e possiede 7 anni di esperienza come veterinario. Appassionato di bovine da latte, aziende zootecniche e farm management. La sua maggiore motivazione risiede nell’aiutare gli allevatori, con i migliori consigli e i prodotti più efficaci, a mantenere le loro bovine sane, più produttive e redditizie in maniera sostenibile.

Potrebbe interessarti anche